AR-HSE Solution

Salute, Sicurezza ed Ambiente

D.Lgs. 81/08 Titolo IX, valutazione del rischio derivante dalla presenza di Agenti Chimici negli ambienti di lavoro.

Valutazione del Rischio Chimico:

Secondo le disposizioni dell'Art. 221 del D.Lgs. 81/2008, per quelle aziende che utilizzano, nello svolgimento della propria attività, Sostanze Pericolose con possibili effetti nocivi per la salute dei lavoratori derivati dal loro prolungato utilizzo, il Datore di Lavoro deve prevedere una specifica valutazione del rischio.

AR HSE Solution fornisce servizi di consulenza al fine di definire il rischio delle attività svolte, valutare l'esposizione dei lavoratori ad agenti chimici e cancerogeni e supportare il Datore di Lavoro nella ricerca delle soluzioni di adeguamento e miglioramento più opportune.

Come si valuta il Rischio Chimico?

Il Titolo IX Capo I del D.Lgs. 81/2008 stabilisce i criteri e le modalità per la valutazione del Rischio Chimico, prendendo come punto di partenza le informazioni contenute nelle Schede di Sicurezza dei prodotti chimici, che, secondo le indicazioni dei Regolamenti REACH (CE n. 1907/2006), il Produttore deve obbligatoriamente mettere a disposizione dell’acquirente.

Tali schede contengono la classificazione delle sostanze chimiche e ne individuano il grado di pericolosità per l’uomo e per l’ambiente, dando indicazioni sui pericoli, sulle modalità di trasporto, stoccaggio e smaltimento, sui limiti di esposizione (TLV) e sulle precauzioni per la manipolazione.

La valutazione quindi si articola nelle seguenti fasi:

  • Analisi delle fasi del ciclo produttivo in cui le sostanze chimiche vengono utilizzate, determinando la quantità di prodotto e le condizioni di utilizzo.
  • Raccolta di dati quali la frequenza, la durata e la tipologia di esposizione a cui sono sottoposti i lavoratori.
  • Scelta della metodologia di valutazione: utilizzo dell’algoritmo oppure campagna di campionamento degli inquinanti, con prelievi ed analisi dei campioni, al fine di determinare la concentrazione del prodotto chimico nell’ambiente di lavoro.
  • A seconda dei risultati della valutazione definizione: delle misure di prevenzione e protezione per eliminare o diminuire il rischio, dei DPI da introdurre, della necessità di sottoporre i lavoratori a Sorveglianza Sanitaria.

Algoritmo o campionamenti?

La scelta della metodologia di valutazione è particolarmente importante, l’impiego dell’algoritmo, seppure riconosciuto, in alcuni casi potrebbe non rivelarsi efficace, o comunque fornire come esito la necessità di procedere con una campagna di campionamenti.

Quest’ultima risulta essere l’unica metodologia di valutazione utile ad ottenere un confronto tra le concentrazioni presenti in ambiente di lavoro e i valori limite di esposizione professionale delle sostanze (TLV).

I campioni prelevati con le apposite strumentazioni sono analizzati da apposito Laboratorio di Analisi accreditato.

Richiedi un preventivo o inviaci una richiesta:

Contatti:
Valutazione Rischio Chimico inviaci una e-mail

info@ar-hsesolution.it

Valutazione Rischio Chimico Telefonaci

333-3059125

Valutazione Rischio Chimico inviaci un messaggio
* Inserite il nome della vostra azienda
* Per favore, inserite il vostro indirizzo e-mail così da potervi ricontattare * L'indirizzo e-mail inserito non è corretto, ricontrolla per favore
* Specificate le vostre richieste
Premendo il pulsante accetto le seguenti condizioni: Privacy Policy